Peschiera di San Matteo degli Armeni Elenco di tutti i mecenati di Peschiera di San Matteo degli Armeni

Il bene al termine dei lavori

Il bene durante il recupero

Il bene prima dei lavori

Storia

La "Peschiera", o "Pescaia" come è descritta dalle fonti storiche, è ciò che resta dell'orto-giardino, inaugurato nel 1632 da monsignor Iacopo Oddi, divenuto da poco nuovo proprietario del complesso di San Matteo.

Intervento

Descrizione

Descritto come luogo di delizie dal Macinara, ornata da “limoni, lemoncelli, giesomini di Catalogna et altre piante nobilissime”, la Peschiera, all’epoca con un assetto architettonico diverso da quello attuale, era “piena d’acqua col pesce dentro, et in mezzo sotto al portico dentro nel muro vi sta un mostro marino che tiene a mandritta un bastone in mano, et alla sinistra una pietra, e per bocca usciva un raggio d’acqua .”.

Oggi rimane una grande vasca in muratura, sormontata da un muro a nicchioni, bisognosa di restauri riguardanti i materiali lapidei e i paramenti in laterizio, e soprattutto della realizzazione della impermeabilizzazione che consentirà il ripristino della condotta di acqua, che alimenta il circuito.

Inoltre, un nuovo sistema di illuminazione consentirà di valorizzare l’intero complesso.

Stato di Conservazione

Dall'esame visivo, la vasca, è alterata dal tipico degrado che aggredisce le opere esposte all’aperto.

Incrostazioni con colorazioni di colore grigio antracite e grigio tenue di lieve entità e di ridottissimo spessore derivate da acqua pluviale percolante sono visibili negli elementi decorativi in travertino. Altro tipo di alterazione superficiale è costituito da fenomeni di efflorescenze soprattutto sul laterizio.

Per quanto riguarda invece fenomeni di alterazione cromatica, si nota un generale annerimento del paramento e degli elementi interni della vasca generato sia da deposito superficiale di polveri e smog sia da un velo costituito da una sorta di patina biologica scura generata dal percolamento delle acque meteoriche e dall’esposizione solare prolungata che ne favorisce l’essiccamento e quindi la maggiore adesione.

Intervento Previsto

  1. Rimozione delle piante infestanti
  2. Debiotizzazione della superficie con applicazione a pennello di biocida idoneo, successiva rimozione dei residui con acqua demineralizzata;
  3. Lavaggio con acqua nebulizzata e sgrassaggio a spugna
  4. Pulizia del travertino con acqua nebulizzata e jos
  5. Impermeabilizzazione della vasca interna per un altezza di 50 cm
  6. Riadesione di intonaco
  7. Eventuale consolidamento delle parti degradate della pietra con applicazione di silicato di etile tipo RC90 e RC70

Interventi alla base del monumento

  1. Nuovo impianto di illuminazione
  2. Sistemazione dell’area intorno al monumento con pavimentazione perimetrale in travertino larghezza minimo 60 cm max 100 cm
Peschiera degli Armeni - Planimetria generale
Planimetria generale progetto
Peschiera degli Armeni - Proposta di illuminazione
Proposta di illuminazione

Resoconto economico

Erogazioni ricevute: € 11.150,00

Valore stimato dell'intervento: € 11.150,00

Erogazioni ricevute: € 11.150,00

Situazione al 22 dicembre 2021


POSIZIONE DEL BENE