Monumento ai Caduti del XX Giugno Elenco di tutti i mecenati di Monumento ai Caduti del XX Giugno

Anno 2021

Storia

A ricordo delle stragi del 1859 fu eretto, nel cinquantenario (1909), un monumento all'ingresso della città per volontà di un Comitato costituitosi nel 1906, presieduto dall'architetto Guglielmo Calderini, che volle questa opera d'arte scegliendone il progetto di Giuseppe Fringuelli, professore della locale Accademia delle Belle Arti, scelto fra i 13 bozzetti presentati.

Monumento ai caduti del XX giugno

I fondi furono reperiti con una sottoscrizione, a cui per primi aderirono il Comune con 10.000 lire e la Provincia con lire 1.000.

La fusione fu eseguita Roma nelle fonderie Bongirolami, e il basamento è ricavato nella roccia su cui poggia una colonna di 18 metri, fatto con pietra locale di S. Sabina e travertino di Tivoli. È composto da un basamento in stile classico, con sopra una colonna corinzia e in cima un braciere ardente, a testimonianza del sacrificio dei caduti.

Nella parte anteriore vi sono due figure di combattenti in bronzo: una nell'atto di puntare, e l'altra ferita e barcollante. Sullo sfondo la porta di Perugia.

Nella parte posteriore un fiero grifo soffoca con la zampa l'idra dalle sette teste e con la sinistra schiaccia la tiara papale. La tiara papale, rimossa successivamente al Concordato Stato-Chiesa, fu poi ripristinata nel 1980 in occasione del restauro del monumento.

Sulla colonna sporge un capitello con sopra un'ara fumante.

Sul basamento si leggono due epigrafi: una dettata da Francesco Guardabassi, nipote del Senatore Francesco; ed un'altra in memoria dei Frati benedettini che parteciparono attivamente agli eventi storici del 1859.

Intervento

Stato di Conservazione

Dall'analisi del monumento risultano delle lesioni sulla colonna verticale, i giunti fra i travertini sono di piccolo spessore a testimoniare l'accuratezza durante la fase di montaggio dei blocchi di pietra. In alcuni casi la stuccatura dei giunti è mancante in altri la malta presenta fenomeni di disgregazione.

Vi è una alterazione cromatica della pietra e in alcune zone del monumento, in corrispondenza delle sculture in bronzo, si riscontra una patina verde derivante dal rame presente nella lega costituente il bronzo. A seguito dell'ossidazione del rame, innescato dall'azione delle acque meteoriche e dal degrado superficiale della superficie metallica, i residui dell'ossidazione del rame sono veicolati e dispersi dall'acqua sulla superficie del travertino, creando aloni di diversa forma e dimensione di colore verde smeraldo.

Si riscontrano patine dovute alla presenza di microflora ( muschi, licheni ) si manifestano nella parte bassa del monumento principalmente nel lato verso nord. Qui il ristagno dell'acqua crea patine ancora attive. Patine nere, dovute alla sovrapposizione dei cicli naturali della microflora e delle pulviscolo atmosferico, sono presenti su gran parte della superficie lapidea, formando in alcune zone anche delle croste nere.

Alla base del monumento vegetano erbe tipiche di ambienti rocciosi ( erba vetriola ) il cui impianto radicale deve essere estirpato con cura per non permettere il manifestarsi di nuova vegetazione.

  • Monumento ai caduti del XX giugno - Patine
  • Monumento ai caduti del XX giugno - Patine
  • Monumento ai caduti del XX giugno - Patine

Descrizione Intervento

Intervento di restauro sul materiale bronzeo:

  1. Rimozione dei depositi organici (guano)
  2. Rimozione dei sali solubili con spazzole, acqua demineralizzata e tensioattivo ( nitrati e cloruri )
  3. Pulitura con impacchi di acqua demineralizzata su polpa di cellulosa
  4. Pulitura con impacchi di carbonato di ammonio e polpa di cellulosa per la rimozione di croste nere;
  5. Pulitura meccanica con bisturi, vibroincisore e microfrese per rimuovere gli ossidi ferrosi e i crateri dovuti al pitting, prestando attenzione per non intaccare la patina storica della lega bronzea;
  6. Pulitura dei residui oleici ( resine, protettivi ) con applicazione di tamponi in successione di solventi organici e inorganici;
  7. Disdratazione e sgrassaggio delle superfici in bronzo con passaggi di acetone ed alcool bianco al 99%
  8. Trattamento delle superfici in bronzo con inibitore di corrosione benzotriazolo
  9. Stuccatura delle fessure e lesioni con resina poliestere specifica, opportunamente pigmentata con terre per armonizzare l’integrazione ai toni cromatici del metallo
  10. Protettivo finale con la stesura di due mani di cera microcristallina Soter LC/201 in ragia minerale specifica per la protezione del bronzo. Prima mano a pennello con cera riscaldata, seconda mano tirata con spazzole di naylon e panni di lana.

Intervento di restauro sul materiale lapideo:

  1. Rimozione delle piante infestanti;
  2. Debiotizzazione della superficie con applicazione a pennello di biocida idoneo, successiva rimozione dei residui con acqua demineralizzata;
  3. Rimozione delle croste nere con l’ausilio bisturi e di microsabbiatrice con polvere vegetale;
  4. Pulitura della superficie dagli ossidi di rame con applicazione di impacchi di cellulosa e solvente tipo EDTA;
  5. Rimozione con l’ausilio di specilli e microscalpelli delle stuccature fra i conci degradate;
  6. Consolidamento delle parti degradate della pietra con applicazione di silicato di etile tipo RC90 e RC70;
  7. Consolidamento delle lesioni del travertino con micro iniezione di resina epossidica;
  8. Realizzazione di nuove stuccature con malta idraulica e inerti compatibili con il tono cromatico del travertino;
  9. Protettivo finale con silossano.

INTERVENTO NON FINANZIATO CON L'ARTBONUS

Illuminazione:

  1. Illuminazione del basamento del monumento con barre led fuori terra linea luce Guzzini (modello Linealuce Lineare fuori terra-Warm White-48 Vdc-L=1501mm- Ottica Wall Grazing Medium 52W 7000lm - 3000K - DALI - Colore: Grigio Compresa di driver di alimentazione);
  2. Smontaggio impianto esistente e distacco linee;
  3. Allaccio nuovo impianto e prove di funzionamento comprese prove illuminotecniche;
  4. Staffe per fissaggio barre led.

Questo intervento è già stato interamente finanziato dal Collegio Circoscrizionale dei Maestri Venerabili dell'Umbria del Grande Oriente d'Italia.

Resoconto economico

Erogazioni ricevute: € 1.901,50

Valore stimato dell'intervento: € 95.800,00

Erogazioni ricevute: € 1.901,50

Situazione al 23 luglio 2021

Come donare

DONAZIONE ONLINE

La donazione online avviene attraverso la piattaforma regionale PagoUmbria che dà la possibilità di effettuare pagamenti tramite Carta di Pagamento o con Bonifico bancario.

Sarà necessario compilare i campi proposti ed compilare il campo Causale del versamento scrivendoci:  "ART BONUS Monumento ai Caduti del XX Giugno".


DONAZIONE CON BONIFICO BANCARIO

Il bonifico dovrà riportare le seguenti informazioni:

COMUNE DI PERUGIA
Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA
P.Iva 00218180545 - C.F. 00163570542
Tesoriere Comune di Perugia
UNICREDIT Spa Corso Vannucci 39
IBAN: IT07D0200803027000029502587

Nella causale del versamento è necessario indicare:  «ART BONUS Monumento ai Caduti del XX Giugno» e dal codice fiscale  del donatore.


POSIZIONE DEL BENE