Palazzo di Giustizia, Affresco

Anno 2017

Il Bene PRIMA dei lavori

Storia

Recupero affresco all'interno del Palazzo di Giustizia

Detto anche Palazzo del Bargello o del Capitano del Popolo, fu edificato tra il 1472 e il 1481 dai lombardi Gasparino d'Antonio e Leone di Matteo in corrispondenza di quella che, fino al 1202, era una vecchia prigione. Questo si presentava più alto di un piano rispetto a come lo vediamo oggi ed era caratterizzato da un’elegante merlatura guelfa (simile a quella ancora presente su Palazzo dei Priori), poi danneggiati e demoliti in seguito al terremoto del 1741.

Nella lunetta posta sopra il portale è possibile notare una statua con una spada ed un enigmatico sorriso sul volto identificabile con la Giustizia;.sotto invece si legge la scritta “Iustitia virtutum domina” (Signora della virtù della giustizia), con la data 1472. Ai lati sono presenti invece due grifi che artigliano rispettivamente un vitello ed un montone.

Nei primi quattro anni, per iniziativa dell'Ospedale di Santa Maria della Misericordia, fu realizzata una lunga teoria di botteghe prospicienti la piazza, che dovevano unire il palazzo del Capitano del Popolo ai preesistenti fabbricati dell’Ospedale presenti in via Oberdan. A partire dal 1483 iniziarono i lavori per la sopraelevazione delle botteghe ad opera di Gasperino d’Antonio a cui prese parte anche Fiorenzo di Lorenzo (1440 -1525), cui sono da attribuire le diciotto splendide finestre crociate sugli architravi dalle quali campeggia una frase biblica. Questi si conclusero nel 1512 per il volere di Papa Sisto IV della Rovere che vi trasferì lo Studium Perugino (Università degli Studi di Perugia). Nei primi anni dell’Ottocento, in concomitanza con l’occupazione napoleonica, visto il trasferimento dell’Università nell’ex convento degli Olivetani a Montemorcino, sia il palazzo del Capitano del Popolo che l'attiguo edificio dello Studium furono destinati ad ospitare gli uffici giudiziari che vi troviamo ancora oggi.

Gli affreschi oggetto del restauro si trovano a fianco del portale, nella loggia del Banditore, luogo da cui si promulgavano gli editti e le ordinanze dei magistrati.

Intervento

Descrizione dell'Intervento

L'intervento previsto per il restauro dell'opera consiste nelle seguenti fasi operative:

  • scopritura e restauro decorazioni pittoriche murali.

Resoconto economico

Erogazioni ricevute: € 0,00

Valore stimato dell'intervento: € 26.000,00

Erogazioni ricevute: € 0,00

Come donare

DONAZIONE ONLINE

La donazione online avviene attraverso la piattaforma regionale PagoUmbria che dà la possibilità di effettuare pagamenti tramite Carta di Pagamento o con Bonifico bancario.

Sarà necessario compilare i campi proposti ed compilare il campo Causale del versamento scrivendoci:  "ART BONUS Palazzo di Giustizia, Affresco".


DONAZIONE CON BONIFICO BANCARIO

Il bonifico dovrà riportare le seguenti informazioni:

COMUNE DI PERUGIA
Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA
P.Iva 00218180545 - C.F. 00163570542
Tesoriere Comune di Perugia
UNICREDIT Spa Corso Vannucci 39
IBAN: IT07D0200803027000029502587

Nella causale del versamento è necessario indicare:  «ART BONUS @Model.Beni.First().Nome» e dal codice fiscale  del donatore.